Riconversione localista

Ho scritto più volte sul tema, su come lo scenario politico/socioeconomico attuale, fondato su un consumismo (iperproduttivo) di marchio globalizzatore e sull’annientamento della comunità, tramite l’uomo tramutato in individuo, ci stia annientando. Ho scritto più volte di come si debba ripartire dal “Locale” quale arma sia ecologica, che di rilancio culturale e tradizionale; l’esperienza accumulata in milioni di anni non … Continua a leggere

Onestà, cuore, bene comune

Ho dedicato la maggior parte del mio tempo libero (degli ultimi otto anni della mia vita) alla politica; a quella attiva ed a quella filosofica. Posso considerarmi soddisfatto a livello personale, ho contribuito alla vittoria di una vera lista civica, concretamente svincolata dai partiti, in una città di 40.000 abitanti ed i miei scritti sono stati spesso ospitati su vari … Continua a leggere

Partigiani del vuoto

Da qualche settimana stiamo vivendo, sulla nostra pelle, il “Monti-bis”; più scaltro, meglio nascosto, ma sodomizzante allo stesso livello dell’originale. Frequentazioni da strada, bar e lavoro mi riportano le lamentele dell’ita(g)liano che esclama “piove, governo ladro”! Le lamentele degli stessi che pensavano di cambiare lo stato delle cose andando al voto. Cosa volete italianucci del menga? Vi siete presentati ancora … Continua a leggere

Schiavi moderni

Quando leggo la parola globalizzazione la prima sequenza che mi viene alla mente è la frutta che troverei in Italia e che viene invece importata, magari dal Paraguay, che resiste giusto il tempo di entrare nel mio frigo, che nel trasporto e nella logistica giustifica l’80% del proprio prezzo. Quando leggo la parola globalizzazione il primo danno che mi viene … Continua a leggere

Un altro 25 Aprile

Scrissi quanto segue il 26 Aprile del 2008 . Sono passati cinque anni, vale ancora, anzi vale ancora di più, si può aggiungere a questo tutto quanto recitato oggi dal Sindaco di Cantù, Claudio Bizzozero, verso la fine del video di cui allego il link. http://www.cantunews.it/?p=5660 Alcuni di voi (forse) si saranno chiesti come mai Giorgio non ha postato nulla … Continua a leggere

Mai più vittime del sistema

Molto spesso mi capita di sentire parlare amici, conoscenti o perfetti sconosciuti di politica, economia o altri argomenti riguardanti la vita comune o sociale che dir si voglia. Per la maggiore vanno frasi del tipo:“il sistema decide le nostre sorti e noi non possiamo farci niente”,  “siamo vittime del sistema”, “tanto fanno sempre quello che vogliono”. Ad ascoltare queste voci … Continua a leggere

Riversare l’energia

Di questi tempi è lampante un fatto, un dato di fatto, gli esponenti politici sono dipendenza dei cosiddetti “poteri forti”, dell’alta finanza, e dell’Europa che ne è serva. La classe politica italiana, ormai si è tramutata in un piccolo gruppo di persone chiuse nel bunker della conservazione e difesa di se stesse. Hanno ben poche preoccupazioni verso i cittadini e … Continua a leggere

Il centro del potere risponde ai cittadini

Lo scrissi subito dopo le elezioni politiche: “Tra astenuti, annullatori di schede, schede bianche e voti ad un movimento dichiaratamente anticasta si è arrivati ad una percentuale vicina al 50%”. Eppure la classe dirigente se ne fotte, anzi rilancia e nomina ancora una volta Giorgio Napolitano, il quale subito esercita il proprio ruolo, Presidente della repubblichetta. Questa è una dichiarazione … Continua a leggere

Patto di stabilità spiegato ad un bambino

Nelle scorse ore durante una discussione via facebook  un interlocutrice mi chiede  una spiegazione su cosa sia il “Patto di Stabiltà. Non sono certo un tecnico, ma più o meno  ne sento parlare spesso nelle riunioni della mia lista civica e ne ho una certa proporzione in mente, però i veri dettagli tecnici non li conoscevo proprio tutti, quindi ho … Continua a leggere